histoires et présent des moulins

le passé et l'actualité des moulins, leurs temps et sociétés

Il mulino ad acqua di Salbertrand è parte dell’Ecomuseo « Colombano Romean », gestito dal Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand (informazioni al n.tel. 0122854720).

Sia il mulino che il nome stesso dell’ecomuseo costituiscono una preziosa testimonianza dell’utilizzo dell’energia in un’epoca ancora povera dal punto di vista tecnologico, ma straordinariamente ricca di esempi di coraggio e intraprendenza dei montanari verso l’impiego delle risorse naturali.

Per portare acqua agli sterili campi di molte borgate di Exilles e Chiomonte, Romean, minatore di Ramat, scavò con la sua sola forza muscolare (ed un piccone), una galleria posta intorno ai 2000 m di quota, lunga 500 m (di 1,80 m per un metro di sezione). Completata in otto anni (1526-1534), l’opera è ancor oggi chiamata « Trou de Touilles » (dal nome del ruscello che vi scorre) o « Pertus » (in « patois » buco, cunicolo).

Il Pertus di Colombano Romean è accomunato al mulino di Salbertrand dall’utilizzo dell’acqua, una risorsa di fondamentale importanza per comprendere l’economia della Valle di Susa e della montagna in genere.

plus d’information sur le site de ce moulin 

la page de la provincia de Torino sur ce moulin